Ristrutturazione bagno: tutto quello che devi sapere

Richiedi subito un preventivo gratuito


Gratis e senza nessun impegno!

1. Invia la tua richiesta gratuitamente

Invia tramite il modulo dedicato la tua richiesta di preventivo completamente gratuita e senza impegno.

2. Attendi la risposta delle aziende

Riceverai gratuitamente e senza sbatterti a cecare aziende su internet uno o più preventivi effettuati dai migliori professionisti della tua zona. 

3. Valuta e scegli l'azienda

Scegli il preventivo migliore tra quelli ricevuti e concorda con il professionista tempi e luogo di lavoro.

hello world!
Published: Aprile 4, 2021

Ristrutturazione bagno: tutto quello che devi sapere

Ristrutturare il bagno

La ristrutturazione bagno può rivelarsi piuttosto complessa e richiedere un investimento maggiore rispetto a quanto preventivato.

Tutto questo succede quando i lavori non vengono affidati a ditte che sono realmente esperte nel settore, in grado di consigliare soluzioni di ristrutturazione in linea con le esigenze dei committenti e al miglior rapporto qualità prezzo.

Ecco, quindi, come rifare il bagno senza stress approfittando anche dei bonus fiscali.

 

Rifacimento bagno: tutto quello che bisogna sapere

Che si tratti di un piccolo ambiente di servizio oppure di un'ampia toilette, la ristrutturazione bagno completa richiede una meticolosa pianificazione, oltre che il giusto grado di esperienza sul campo.

Un bagno, infatti, comporta molto spesso tutta una serie di interventi che non erano stati considerati a monte, affinché possa essere in definitiva non solo gradevole dal punto di vista estetico, ma anche confortevole e funzionale.

In base alla situazione sarà necessario provvedere al rifacimento o all'ammodernamento dell'impianto idrico, alla rimozione della vecchia pavimentazione, oltre che realizzare un nuovo massetto in cemento, posare i rivestimenti e installare i sanitari.

Il fai da te, che apparentemente potrebbe essere un sistema per risparmiare, espone al serio rischio di non portare a termine lavori a regola d'arte, ai quali poter rimediare solo spendendo ulteriori somme.

Buona regola è anche evitare di affidare il rifacimento del bagno a più artigiani o, ancor peggio, a un tuttofare che non sarà in grado di offrire adeguate garanzie e di lavorare con attrezzi, utensili, metodologie o strumentazioni all'avanguardia.

Quando si decide di ristrutturare il proprio bagno bisogna anche comprare materiali di prima qualità e lasciare da parte quei preventivi che prevedono costi eccessivamente bassi, perché nella maggior parte dei casi nascondono solo brutte sorprese.

 

Bagno ristrutturato: come fare per non sbagliare

Una volta che si hanno le idee chiare sul tipo di bagno da realizzare è bene considerare che questo genere di ristrutturazione ricade nelle opere di manutenzione ordinaria, per cui non sarà necessario ottenere e richiedere dei permessi specifici.

L'unica cosa da fare, quando l'immobile in cui si trova il bagno è ubicato all'interno di un palazzo condominiale, è solo quella di avvertire l'amministratore, per evitare possibili disagi ai vicini.

Tuttavia, dopo l'entrata in vigore del DPR 380/2001 il rifacimento del bagno, compresi gli impianti, può ricadere nelle opere straordinarie, aspetto che permette di ottenere interessanti detrazioni ai fini fiscali, quindi un risparmio considerevole sul costo finale dell'intero intervento.

Al fine di poter ottenere il bonus sarà però necessario incaricare un geometra, affinché provveda a presentare all'ufficio comunale interessato la C.I.L.A, ovvero una dichiarazione in cui si avvisa dell'esecuzione dei lavori.

Così facendo sarà possibile ottenere una detrazione fino al 50% sulla spesa sostenuta, che dovrà essere documentata da regolare fattura.

Occorre inoltre precisare che la C.I.L.A resta comunque obbligatoria se il rifacimento del bagno prevede lo spostamento e la demolizione delle pareti. In tutti i casi la presenza di un tecnico e il supporto di una ditta esperta nel rifacimento dei bagni si rivela indispensabile per poter accedere validamente al bonus fiscale e non perdere il beneficio.

Ecco perché è fondamentale non affidare i lavori a soggetti improvvisati, ma solo a ditte che operano in maniera professionale e 'regolare', anche per non avere problemi dopo la ristrutturazione, oltre che per poter ricevere eventuali rimborsi.

Grazie all'intervento di specialisti sarà possibile ridurre drasticamente il rischio di errori. La scelta deve ricadere su artigiani accreditati, che operano nel campo da diverso tempo e hanno ricevuto già numerosi feedback positivi.

Buona regola, quindi, è informarsi sull'impresa edile a cui si vogliono affidare i lavori, anche facendo una ricerca online e leggendo le opinioni rilasciate dai committenti.

 

Costo ristrutturazione bagno

Molti si domandano quale potrebbe essere il costo rifacimento bagno. In realtà la risposta non è così scontata o semplice come spesso si pensa.

Tutto dipende non solo da quello che si vuole di fatto realizzare, ma anche dalla metratura. Una ditta seria riuscirà ad offrire ristrutturazioni chiavi in mano in base al budget del cliente e a seconda dell'arredamento scelto.

Per prima cosa serve un progetto di un professionista che preveda la corretta disposizione dei sanitari, infatti fra wc, muro, lavabo, vasca e doccia si devono rispettare delle distanze minime.

Lo scopo finale è quello di creare un ambiente proporzionato nelle forme, con piatto doccia e lavabo adeguato al tipo di stanza e agli altri sanitari.

Il bagno dovrà risultare armonioso, piacevole da vivere e comodo. Del resto si tratta di una stanza che verrà usata molte volte al giorno da tutti i componenti della famiglia e per questo dovrà assicurare massima funzionalità e praticità d'uso.

 

Ristrutturare bagno piccolo

Molti commettono l'errore di pensare che la ristrutturazione di un bagno piccolo è meno dispendiosa rispetto a quella di un'ampia stanza di servizio. Questo non è sempre vero, perché tutto dipende anche dalla condizione dei luoghi.

Basti pensare ai vecchi bagni che risalgono alla fine degli anni '60 che, a prescindere dalla grandezza, comportano comunque delle opere viarie, quali lo smantellamento delle piastrelle, il rifacimento del massetto e delle tubature, nonché la posa in opera dei nuovi e moderni rivestimenti.

In alcuni casi potrebbe essere necessario intervenire sulla colonna di scarico perchè obsoleta o aggiungere degli elementi funzionali, come ad esempio l'idroscopino, valida alternativa igienica al classico scopino per il water.

La demolizione compete al muratore, mentre l'idraulico provvederà ad eseguire le tracce per indicare la posizione dei sanitari. Questa fase del lavoro genera calcinacci che dovranno essere adeguatamente smaltiti presso le discariche autorizzate.

L'idraulico avrà un compito delicato, perché ogni errore potrebbe causare delle perdite e ciò porterebbe ad una nuova demolizione con conseguenti costi.

Questi errori, per fortuna, sono molto rari quando a svolgere la ristrutturazione è una ditta seria, visto che verranno eseguiti appositi test e collaudi per verificare che tutto funzioni in maniera corretta.

La fase successiva prevede il getto del massetto, che copre l'impianto idrico per consentire la posa dei pavimenti. I sanitari, a terra o sospesi, verranno montati dall'idraulico, incluso il box doccia, quando presente. Se invece ci sono state delle modifiche all'impianto elettrico sarà anche necessaria la presenza dell'elettricista.

Lo step finale è quello del controllo, per verificare non solo la pressione dell'acqua, ma pure l'assenza di ogni perdita dai rubinetti. Prima di consegnare il bagno chiavi in mano si provvede alla pulizia, in modo che il cliente finale possa entrare in una stanza pronta per essere utilizzata, che aumenterà il valore dell'appartamento.

 

Ristrutturazione bagno: considerazioni finali

Le tempistiche per il rifacimento del bagno non sono fisse a priori, ma variano in base all'entità dell'intervento. Essere seguiti da un professionista offre notevoli vantaggi, fra cui non solo la possibilità di accedere al bonus fiscale e di ottenere un lavoro di qualità, ma anche di ricevere preventivi dettagliati, in cui vengono elencate tutte le voci di spesa, le opere necessarie e la rispettiva durata.

Adesso che sono state chiarite tutte le informazioni utili, non resta che iniziare la ristrutturazione del bagno, affidando i lavori ad una ditta esperta, in grado di offrire consulenze specialistiche e di proporre soluzioni con il miglior rapporto qualità prezzo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © Ristrutturointerni.it 2k21 
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram