La regione con più condizionatori d'Italia

Richiedi subito un preventivo gratuito


Gratis e senza nessun impegno!

1. Invia la tua richiesta gratuitamente

Invia tramite il modulo dedicato la tua richiesta di preventivo completamente gratuita e senza impegno.

2. Attendi la risposta delle aziende

Riceverai gratuitamente e senza sbatterti a cecare aziende su internet uno o più preventivi effettuati dai migliori professionisti della tua zona. 

3. Valuta e scegli l'azienda

Scegli il preventivo migliore tra quelli ricevuti e concorda con il professionista tempi e luogo di lavoro.

hello world!
Published: Aprile 23, 2021

La regione con più condizionatori d'Italia

Il caldo quando arriva non guarda in faccia nessuno. Il mese di Luglio diventa così l'anticamera dell'inferno e un periodo davvero difficile per continuare a svolgere le mansioni quotidiane senza provare alcun disagio.

Anche se un po' tutta l'Italia appartiene all'area mediterranea ed è caratterizzata, in estate, da temperature ambientali molto elevate, esistono delle regioni che soffrono più di altre.

L'Emilia Romagna, a causa della vicinanza con a pianura padana e della lontananza dal mare, di moltissime città dell'entroterra, è uno tra i territori italiani che soffre maggiormente il caldo afoso di Luglio e Agosto.

Accade così che nelle città di Parma e Bologna, la colonnina di mercurio sale spesso oltre i 33°C provocando una grande sofferenza della popolazione emiliana, a causa della presenza dell'alto tasso di umidità nell'aria.

Esistono insopportabili e torride giornate d'estate in cui la percentuale di umidità sale oltre la fatidica soglia del 65%, costringendo i parmensi a lunghe code autostradali, alla ricerca della brezza marina del lido di Ravenna.

 

Quanti condizionatori ci sono in Emilia Romagna ?

Al contrario di quello che si potrebbe pensare la regione con il maggior numero di condizionatori d'aria in Italia non è la Sicilia, ovvero quella più a sud di tutte, ma proprio la terra della piadina e dei tortellini.

Le ragioni del perchè in Emilia si consumi più aria condizionata che in suolo siciliano sono le seguenti:

,

  • maggior numero di aziende aperte in estate

,

  • abitudine all'uso di condizionatori e climatizzatori

.

In effetti, a condizionare maggiormente questo dato e a giustificare la presenza di circa 5,3 milioni di split (più di un condizionatore pro capite) vi è il gran numero di imprese, fabbriche ed uffici pubblici, che lavorano anche ad Agosto.

E' facile immaginare come, per mantenere decoroso il luogo di lavoro nelle giornate più soleggiate, si rende necessario l'ausilio di condizionatori d'aria.

Il consumo energetico di queste strutture è infatti elevatissimo, in parte mitigato dalla presenza di pannelli solari, che permettono una discreta autonomia sul piano elettrico.

Rinunciare al fresco sarebbe impossibile se si vuole continuare a lavorare senza grondare di sudore, anche se il prezzo di questo “vizietto” spesso si paga nel tempo.

L'aria condizionata fa male

Sono moltissimi i medici che raccomandano di non attivare i climatizzatori d'aria per più di 4 ore consecutive, alternando l'apertura delle finestre onde consentire un reale ricambio d'aria.

Sono però molto poche le aziende che hanno questa accortezza, con il risultato che molti dei lavoratori convivono con starnuti e dolori alla cervicale.

Per fortuna qualche piccolo palliativo esiste e non è un caso se sono aumentate le vendite di deflettori d'aria in Emilia, nel tentativo di distribuire meglio il getto d'aria all'interno dei locali in cui si lavora.

Dopotutto dovrebbe essere interesse dei titolari d'azienda e dei responsabili della sicurezza, tutelare la salute dei dipendenti, anche nell'ottica di massimizzare la produttività d'impresa ed evitare delle cause legali.

Consigliamo a tutti i titolari di aziende a Parma di cominciare a valutare dei rimedi per l'aria condizionata, prima essere costretti a concedere permessi per malattia, con l'arrivo del caldo più intenso.

 

Altra faccia del caldo

Quando si guarda la facciata del Comune di Bologna però una contraddizione risulta evidente, visto il numero impressionante di split a fronte delle tante campagne estive di sensibilizzazione, indirizzate a bambini e anziani.

Il suggerimento di bere molta acqua e limitare l'uso di aria condizionata sembrerebbe non valere per tutti.

Ad ogni modo, il capoluogo della Regione Emilia ha il merito, durante queste campagne di una costante attività promozionale volta alla diffusione della cultura dei deviatori d'aria condizionata su tutto il territorio.

In effetti gli effetti negativi che può avere un getto d'aria concentrato in un'unica direzione sono notevoli.

Si tratta di un aspetto spesso sottovalutato, ma essenziale nella salvaguardia della salute pubblica, diventato ancora più importante durante questa pandemia.

In alcuni casi, per evitare tosse e raffreddori estivi, almeno all'interno degli spazi abitativi, sarebbe da preferire l'impiego di ventilatori, soluzione che però, nelle realtà aziendali, diventa più difficile, perchè influenzata da criteri arredativi che rispondono alle regole del design e della ottimizzazione degli spazi di lavoro.

Ad ogni modo il consiglio è quello di rassegnarsi all'idea di schiumare, soprattutto se si è costretti a lavorare a Bologna in Agosto e non si ha la possibilità di riversarsi al mare per sopperire ad una colonnina di mercurio impietosa.

L'estate ci regala tanti momenti felici e speriamo giorni di spensieratezza, visto le difficoltà che abbiamo dovuto affrontare anche nel 2021.

Un segreto per resistere alle giornate di totale calura però esiste: basta solo fare un grande respiro, unire i palmi delle mani e non pensare che ci sono anche decine di zanzare tigre nella stanza, che sono chiusi tutti i negozi e che avete finito i ghiaccioli nel frigorifero..

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © Ristrutturointerni.it 2k21 
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram